La formazione non può essere considerata un sistema separato rispetto alle istituzioni del mercato del lavoro, ma deve essere ripensata avendo in mente l’insieme dei contesti organizzativi e tecnologici in cui le persone si trovano a operare e le loro variazioni.UJCE - Formazione
Se il driver principale della competitività e dell’innovazione dei sistemi produttivi, dell’industria in particolare, è la conoscenza, questo non può che essere sostenuto da sistemi formativi knowledge-based.

Sviluppare meccanismi di alternanza o per meglio dirla in chiave contemporanea, proporre un nuovo “sistema duale” ispirato al metodo tedesco ma tutto italiano nella sua esecutività proposta dal MIUR e dal sistema industriale, questa è la recente sfida della formazione.

E’ un reengineering fondamentale che rigenera un tessuto economico lacerato dalla crisi e prima ancora da anni di insufficienti investimenti pubblici, troppi furti e sprechi, assenza di politiche industriali, assenza di politiche internazionali, tutte cioè manchevolezze che costringono ad un cambio di rotta potente.


E’ in gioco l’intero sistema produttivo dell’Italia e il rilancio del manifatturiero in Europa tramite alcune misure coordinate come i progetti industrial Compact e Horizon 2020.
Nel medesimo tempo altri legami di filiera ed un processo di scambio e condivisione delle conoscenze su base locale  porterebbero ad una “cross fertilization” efficace creando molteplici “matrici di sviluppo locale”. In sintesi quindi parliamo di una azione coordinata dove il dialogo con altre realtà territoriali sia approfondito surrogando o dando nuovo supporto attivo ad una politica nazionale o locale che spesso brancola nel vuoto, incoraggiando l’attuazione di “best practices” al loro interno.


Iniziative formative consultabili:



GREEN EUROPE è un progetto di Mobilità Transnazionale finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso la Regione Piemonte.
>> pdf

Scarica il flyer del progetto >> pdf

La scadenza per l'invio delle candidature è il 16 gennaio 2017.